16 Ottobre...

 

Roma, sabato 16 ottobre 1943,ore 5.30, festa del Succot.  Circa  365 soldati nazisti irrompono nel ghetto, bussano alle porte……..le sfondano, a tutti gli  Ebrei romani un solo ordine perentorio, “essere pronti in 20 minuti, portare cibo per 8 giorni, soldi e preziosi, via anche i malati, nel campo dove vi porteranno c’è un’infermieraio”. Il campo di destinazione finale era Auschwitz.

 

 Dei 1024 ebrei catturati il 16 ottobre e deportati ad Auschwitz, ne tornarono alla fine della guerra  solo 16, di cui una sola donna. Nessuno degli oltre 200 bambini sopravvisse.

 

L’infamia e la tragedia della deportazione degli Ebrei romani era stata preceduta giorni prima dall’infamia della richiesta dell’oro agli stessi Ebrei da parte del generale Kappler (comandante delle SS romane),  in riscatto della loro vita. Ma nemmeno i circa 50 chili d’oro raccolto servono a fermare l’eccidio programmato e pianificato da tempo.

 

Complessivamente durante l’occupazione tedesca gli Ebrei romani  deportati furono 2091, (1067 uomini; 743 donne; 281 bambini) ne tornarono alla fine della guerra 73 uomini e 28 donne, nessun bambino. 

 

 

16 Ottobre 2013 By La Redazione di CasalediCarinola.info



Scrivi commento

Commenti: 0

Gli autori degli articoli e i responsabili del sito casaledicarinola.info dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori.

La redazione e gli autori partecipano e intervengono nella discussione, in linea con la filosofia di trasparenza e apertura del sito casaledicarinola.info.
  L'amministratore del sito si impegna a moderare nei limiti del regolamento.