La Cantata dei Mesi

Tradizionale cantata che descriveva i mesi in dialetto casalese, questo spettacolo si svolgeva prima della quaresima, il giorno di carnevale o la domenica precedente, in antichità i cantanti (persone del paese dotati di belle voci), a dorso di un asino,( “capuranno” era in dorso ad un cavallo), giravano le strade del paese intonando le strofe nelle piazzette principali dei vari quartieri. Negli ultimi anni le rappresentazioni sono state effettuate anche dai ragazzi delle scuole, le rappresentazioni degli adulti si svolgono su un carrello tirato da un trattore vista la scomparsa degli asini nel nostro paese.

 

A prima vista le cantate dei mesi sembrano delle mere rappresentazioni folcloristiche e nulla più, ma leggendo attentamente il testo dei vari mesi si può notare come esse rappresentino dei condensati di saggezza popolare, nati dall’esperienza e legati al ciclo della natura, ai diversi lavori in agricoltura , alla vita quotidiana.

Il tutto raffigurato in tono lieve, gioioso, ironico: l’inclemenza del tempo, il duro lavoro dei campi, la povertà, i frutti della natura, le malattie, lo speziale, i signori, l’esigenza di dotarsi di una dispensa fornita per il duro inverno. E in modo ciclico e continuo, come la vita.

 

 

Alla fine appare il mese nascosto, un mese che non c’è, che però porta in dono la pianta della rosa alla quale fa la promessa di sposarla ……. quando fiorirà in primavera, quando la vita si rigenera con un moto circolare, e continua nonostante tutte le avversità, con speranza per domani.

 

- La Cantata dei Mesi -

 

Capurannu

I’ so’ Capurannu e so’ capu dell’annu

capu dell’annu che stu iuornu aspetto.

A casa mia c’e r’ammitu tutti

chiunque vo’ favorì farò l’offerta.

Tu Pulcinella, che sarai il mio seguace

conta stì dodici mesi della stagione

se stì dodici mesi nun s’apportono bbene

casticar ti voglio cu’ stu mio bastone.

 

Pulcinella

Si’ capurannu miu, tu hai raggione,

ma… nui vulimmu ‘nu pocu pazziane.

Pazziammu prima e doppu carnevale

tagliarla ru cuogliu a Pàtitu carnale.

 

Capurannu

Tu Pulcinella, che malanno dici?

Te l’ho portata intera la stagione.

Tu, guarda Aprile con i fiori in mano;

farò cantare il mese di Gennaio.

 

Gennaio

I’ so’ Gennaio e so’ prim’entratura

nemmicu songu de ri pecorari.

A ccaccia uocci cu’ ri putaturi

nessuno giorno li farò putare.

Casticherò tutti ri bestemmiatori

chi lo bestemmia lu mese di Gennaio.

E a chi lo bestemmia io con l’uscio

le voglio mannà acqua vientu e fruscio.

 

Febbraio

I’ so’ Frebbariegliu curtu curtu

la uerra vogliu fa vintottu giorni.

Vogliu afferrà stè donne cu stà frusta

girare ce le voglio intorno, intorno.

Vogliu preà ru mese d’Austu

che acqua ne facesse nulla al giorno.

Ca si a ru giardinu miu ce piglia secca

e io ci batterò cu’ la mia zeppa.

 

Marzo

I’ so’ Marzo cu’ la mia zappetta

a pane e puorri facciu ru riunu.

Ogni villanu che stu mese aspetta

pe li iettà li sacchi e pellecciuni.

Nun ve firate de la mia fermezza

i’ facciu ri mutivi de la luna.

Ora ve facciu ricchi e ora poveri

ora ve facciu ’nfusi e ora asciutti.

 

Aprile

I’ so’ Aprile cu’ la l’apa sperza

fiorisce terra e arberi dalla gnura.

Ogni uccelletto fa il suo versetto

fioriscono montagne e con valluni.

Ru speziale cu’ la sua ricetta

pe’ manià patacche e ducatuni.

I’ so’ Aprile e so’ bel giovinetta,

e a Maggio dono questo ramaglietto.

 

Maggio

I’ so’ Maggio e so’ maggior di tutti

maggior di tutti questi altri mesi.

D’oro e argento ne guarnisco tutti,

chiunque vuol favorir farò l’offerta.

Aggiu purtatu suoni, chitarra e strumenti

pe’ ffa sta’ a voi signori allegramente.

I’ me ne parto cu’ le bbone spese

e i fiori lascio alli altri mesi.

 

Giugno

I’ so’ Giugno cu’ la mia sarreccia

tannu ce mètu quanno sto ‘ncicercia

Si ‘mmani ce l’avesse chella Veccia

ri tagliarla ru cuogliu cu’ stà sarreccia.

Tengu nu pignatu cinu de bbona menesta

cu’ ‘nu cucciare pe’ dintu sempe spellecciu.

Doppu mangiatu stà bbona menesta

me facciu ‘na bevuta a sta verrèccia.

 

Luglio

I’ so’ Luglio cu’ ru carru ruttu

ru carru l’aggiu ruttu a la maésa.

Ru carru miu è ru carru condotto

ce pozzu i’ cantennu a la carrésa.

Tengu ‘na regna céna de buon frutto

trecientu tommule ne facciù ‘na metà

Ce vogliu scugnà mo ch’è tiempu asciuttu

ca si ce ciove ce perdu le spese.

 

Agosto

I’ so’ Austu e tu si la malatia,

ru miericu m’ha urdenatu na supposta.

L’aggiu strutta ‘na spezziarìa,

pe’ l’ubberienza de la facci toia.

E pe’ dispiettu de Don Peppinu

me mangiu ‘na jaglina ogni matina.

E pe’ dispiettu de Donn’Andrea

me mangiu la jaglina e m’addecreu.

 

Settembre

I’ so’ Settembre cu’ la ficu moscia

e l’uva muscarella se fernisce

Si qualche donna avesse la paposcia,

venisse a la casa mia, ce la guariscu.

Se cacche vota cè su iutu a lisciu

pè manià percoche i me l'allisciu

vulesse dà na voce a sti caiuotuli

che le percoche meie su a quattu a rruotuli

 

Ottobre

I’ so’ Ottobre cu’ ri begli frutti

ri frutti miei sono i più sovrani.

Di uva fresca ne sazio tutti,

ne saziu ru riccu e ru villanu.

De vinu ne vogliu fa’, trecientu botti

pe’ ffa schiattà tedeschi e americani

Roppu ce caccerò ru miu condottu

pe’ ffa’ schiattà ri mierici e speziali

 

Novembre

I’ so’ Novembre e so’ semmenatore

semmenà ce la vogliu stà sementa

Nun c’è bisognu de ‘nu lavoratore

natu che me mantene stà sementa.

La vogliu semmenà de bbona stagione

pe’ ffa’ sta’ voi signori allegramente

Nun la semmenu pe’ mme ma… per gli aucielli

ma… la semmenu pe’ stè nenne bbelle

 

Dicembre

I’ so’ Dicembre e so’ l’urdimo ‘n tuttu

la sculatura de chist’auti misi

Me vogliu i’ affaccennu pe’ tutte cheste botti

si ce sta vinu pe’ chist misi. ’auti

Tengu ‘na respenza céna de buon fruttu,

de chistu puorcu c’aggiu accisu auannu

Tengu ‘na ‘otta de vinu ventriscu,

tengu ‘na bella nénna a liettu friscu

 

Ru mese annascuso

I’ so’ ru mese che steva annascusu

v’aggiu purtata la pianta de la rosa.

E a questa rosa io le chiedo scusa

che quando sarà fiorita io me la sposo.

Mo che ce su venutu tuttu ‘nfusu,

a voi signori vi chiedo qualche cosa

Facciu ru trasi e iesci da ru pertusu

pe’ l’arracquà la pianta della rosa.

 



Scrivi commento

Commenti: 0

Gli autori degli articoli e i responsabili del sito casaledicarinola.info dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori.

La redazione e gli autori partecipano e intervengono nella discussione, in linea con la filosofia di trasparenza e apertura del sito casaledicarinola.info.
  L'amministratore del sito si impegna a moderare nei limiti del regolamento.