La Cantata di San Silvestro

Fucaraccio

 

La cantata di San Silvestro è un canto che si recita il 31 dicembre (oggi è calenne), quando dei gruppi di persone aiutati da strumenti tradizionali ed artigianali (tammorre, scetavagliasse, triccabballacche, buche e buche), con un frasca di alloro (lauro) si recano (nui cantammu priestu) nelle abitazioni intonando il canto in modo bene-augurale (tra sacro e profano), rallegrandosi per l’avvenuta nascita di Gesù, salutando l’avvento del nuovo anno (rimani è gl’annu nuovu) benedicendo e ringraziando gli ospiti (sta casa gentilora) e salutando così l’anno trascorso.

 

Era di fatto un occasione nei tempi in cui c’era miseria e povertà per farsi una scorpacciata di dolci, mangiate e grandi bevute di vino, magari intorno ai focaracci.

S’inserisce in una tradizione del nostro territorio, tradizione antica a Sessa Aurunca (buco-buco), Pignataro, Teano per dettagli ricerca canti popolari di San Silvestro

 

- La cantata di Santu Suleviestu -

 

Santu suleviestu

e nui cantammu priestu,

oggi è calenne e rimani e gl'annu nuovu

oggi è la festa santa e la santa signuria

che Dio ce l'accresce sta bella cumpagnia.

 

Hoi palummella

che purtate m'piettu

garofanu e cannella, battesimu de Cristu

prima nascette Cristu e po' cantette ru gliagliu.

che Dio ce ru manna stu buonu capurannu.

 

Susci e risusci

e Dio ce l'accunusci

accunuscicella bona sta casa gentilora

hoi gentilora che 'mparavisu stai

e libbera sta casa da pene e da uai

 

Buon innu! Buon annu! E buonu Capurannu!

E comme ce semmu venuti auannu, da 'cca e cient'at'anni.

 

Questi due brevi stornelli, cantati alla fine del canto principale “santu suleviestu”, sono delle richieste in rima ai padroni di casa ad offrire dolci, (auciati, mustacciuoli, susamigli) e vino.

 

“ nu ‘nce chiamate facci tuosti nui ce semmu venuti apposta

semmù gente de crianza ‘na utticella c’ha abbastanza….”

 

oi padrona de chesta casa!

tu faccella na bona spasa

d'auciati e mustacciuoli

e nu pirettu de vinu buono.

... d'auciati e susamiegli

e racce puri nu beccheriegliu".

 

A secondo del padrone di casa si dice: "e sussi - (nome del padrone di casa.) e racce nu beccherucciu".

 



Scrivi commento

Commenti: 0

Gli autori degli articoli e i responsabili del sito casaledicarinola.info dichiarano di non essere responsabili per i commenti inseriti dai lettori.

La redazione e gli autori partecipano e intervengono nella discussione, in linea con la filosofia di trasparenza e apertura del sito casaledicarinola.info.
  L'amministratore del sito si impegna a moderare nei limiti del regolamento.